Fiorentini si Cresce

Il ritratto misterioso a Palazzo Vecchio



Mimetizzato sulla facciata di Palazzo Vecchio c'è un profilo maschile nascosto agli occhi di migliaia di turisti. Volete sapere chi era quell'uomo? Ce lo svela Rachel

Avete mai notato un ritratto in basso a destra del principale ingresso di Palazzo Vecchio? Sta proprio alle spalle del gruppo marmoreo “Ercole e Caco” di Baccio Bandinelli. Si tratta del volto di un uomo scolpito sui conci della facciata: chi è?
La tradizione ci tramanda alcune possibili risposte.

I fiorentini ormai da diversi secoli chiamano questo ritratto l'Importuno. Sapete perché? 
Per raggiungere il suo studio, Michelangelo passava da Via della Ninna. E ogni giorno e alla stessa ora, gli si parava davanti un uomo che gli doveva del denaro e che lo annoiava, accampando sempre nuove scuse sul perché non aveva da restituire il prestito.
Si racconta che Michelangelo, annoiato così tanto dalle chiacchiere di quell’individuo importuno, mentre fingeva di ascoltarlo, scolpì il suo volto di profilo. La cosa straordinaria fu che lo scultore abbozzò quel viso tenendo le mani dietro la schiena! Quando l’uomo ebbe finito di parlare, si rese conto che l’artista aveva realizzato il suo ritratto e protestò: “Ehi, ma io non ho quel naso così grosso!”
E Michelangelo rispose: “Oh, le mie dita un c’hanno mica gli occhi!”. E da quel momento l’importuno non dette più noia a Michelangelo.

L'altra versione concorda sul fatto che sia stato Michelangelo a realizzare il profilo, ma varia il contesto.
Il personaggio del ritratto sarebbe un condannato alla pubblica gogna. Si dice che Michelangelo immortalò la sua sconosciuta identità sulle pietre di Palazzo Vecchio, scolpendone il ritratto di nascosto, per non correre il rischio di essere condannato a sua volta. Ma la versione più bizzarra è che il profilo maschile sia appartenuto al frate domenicano Girolamo Savonarola. L’artista avrebbe ritratto l’illustre condannato di eresia, mentre era sul patibolo di Piazza della Signoria.  

Che sia stato un noioso importuno o un povero condannato non è dato a sapere, ma di certo quel volto inciso sulla pietra rimane visibile a pochi. Chissà poi perché Michelangelo decise di scolpirlo... magari fu solo per burlare le future generazioni di Firenze!

Rachel Valle © 2015



Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
Commento inviato da: sole in data: 08/10/2015
..a me raccontarono che era un suo autoritratto fatto appunto senza mani..

Newsletter

(c) 2018 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini